Un progetto archivistico a supporto dello studio dei consolati degli antichi Stati italiani (1815-1860). Il sito web archiviconsolari.it/An archival project to support the study of the consulates of the ancient Italian States (1815-1860). The website archiviconsolari.it

costanzalisi@archiviconsolari.it

Gli istituti di conservazione archivistica italiana custodiscono un corpus importante di archivi consolari prodotti nel XIX secolo dagli antichi Stati che governavano la penisola.

Per individuare la dislocazione di questi archivi è necessario, accanto alla conoscenza storica degli avvenimenti, avere una qualche nozione sulla struttura organizzativa archivistica italiana che prevede accanto ad una gestione centralizzata della documentazione ministeriale una rete periferica di Archivi di Stato a cui è demandata la custodia delle carte prodotte localmente. Il Ministero degli affari esteri custodisce dunque nel suo archivio la documentazione storica e diplomatica prodotta dai suoi uffici centrali e dalle rappresentanze diplomatiche e consolari italiane all’estero, anche di quelle antiche, che storicamente vi sono confluite. Gli Archivi di Stato, ubicati nelle capitali degli Stati preunitari, ai quali è affidata la conservazione della documentazione degli antichi Stati italiani, custodiscono tanto le carte prodotte dalle ottocentesche Segreterie di Stato, quanto dagli uffici da queste dipendenti con sede in Italia (dunque anche le carte delle rappresentanze consolari in Italia). La divisione tuttavia non è così netta. Le evenienze che hanno comportato il versamento in un archivio piuttosto che in un altro sono diverse, e non sempre di immediata lettura.

Il sito archiviconsolari.it è un’idea, un ‘piano’ di lungo periodo finalizzato, attraverso il censimento e/o la pubblicazione in rete degli inventari degli archivi consolari, a dare unitarietà virtuale alla consultazione delle carte e al loro studio, a ricostruire le antiche reti consolari degli Stati italiani.

La ricerca, iniziata molti anni fa con l’inventariazione dell’archivio del Consolato del Granducato di Toscana in Roma, si è progressivamente estesa, prima ai fondi egiziani1, poi, più recentemente, alle carte prodotte dai consolati nel Levante ottomano e in Nord Africa e più in generale a quelli situati sulle coste del Mediterraneo. Tutti gli archivi oggetto dello studio non sono inventariati; una parte di essi è sommariamente censita. Gli strumenti di ricerca, seppur semplici, ove già esistano, adempiono alla funzione di consentire la consultazione della documentazione.

Quello che risulta evidente, man mano che l’inventariazione dei fondi va avanti, è l’interesse del corpus nel suo insieme, nelle correlazione fra più archivi prodotti in aree diverse, nelle similitudini e nelle dissonanze. Gli elementi di richiamo sono molteplici e toccano una varietà di discipline. La storia istituzionale e delle relazioni internazionali – la politica estera, senza dubbio era veicolata anche dai funzionari consolari –, al pari della storia economica e commerciale, possono essere esplorate attraverso l’analisi dei carteggi con i principali interlocutori dei funzionari consolari (con le Segreterie centrali, con le sedi viceconsolari e/o proconsolari dei distretti, con le autorità locali e gli altri consolati). Di rilievo è il sostegno e la protezione ai nazionali. Emergono elementi di interesse per lo studio delle comunità nazionali attraverso l’individuazione dei soggetti che interloquiscono con quegli uffici, le loro attività e i mestieri; per l’approfondimento di temi quali il legame con la madrepatria; per lo studio del diritto attraverso l’osservazione delle modalità concrete di applicazione della norma nel sistema delle capitolazioni. Gli argomenti possono essere altri: la storia sociale ha un campo ampio di indagine; la sanità e la diffusione delle epidemie sono oggetto costante dei carteggi; la storia della navigazione si delinea seguendo i percorsi, le traiettorie dei bastimenti, i carichi e i noleggi, i sinistri e le avarie, o dalla rilevazione di aspetti marginali quali ad esempio i nomi attribuiti alle imbarcazioni. L’elenco potrebbe essere lungo.

Ad oggi la ricerca si è concentrata sugli inventari, sul riordinamento delle carte e sulla schedatura massiccia della documentazione. Gli interventi, mirati alla ricostruzione della struttura originaria degli archivi2, prevalentemente attraverso riordinamenti virtuali, consentono di comprendere meglio le attività espletate dagli uffici consolari; di cogliere la ricchezza di quelle fonti e le inevitabili lacune; di consultare le carte con qualche margine di certezza.

Al momento una prima parte delle informazioni è stata riversata e resa disponibili attraverso il sistema open-source Atom Access to Memory. Il software è utilizzato da un largo numero di istituti di ricerca e conservazione. Ha alcune criticità, ma anche grandi potenzialità. I dati inventariali, raccolti sin dal 1997 in tabelle correlate l’una con l’altra, sono stati ereditati facilmente dal sistema ed oggi vengono aggiornati costantemente nei due formati. L’applicativo, sul cloud, consente una veloce consultazione ed accessi multipli contemporanei.

Nella rilevazione dei dati, attraverso un’inventariazione analitica, si è cercato sin dall’inizio di potenziare le chiavi di accesso trasversali, capaci di tessere gli intrecci e di essere di aiuto ad una molteplicità di ricerche scientifiche.

1. Le funzioni

Le funzioni consolari sono individuate e corredate da una corrispondente breve spiegazione. Progressivamente si potranno riportare i riferimenti giuridici ai testi normativi, agli editti di Marina, ai regolamenti ed anche alle circolari. Le funzioni sono correlate alle serie.

2. Le parole chiavi o indice delle cose notevoli

Le parole chiavi individuano i procedimenti principali, gli oggetti ricorrenti, talvolta le tipologie documentarie. E’ un insieme di voci, strutturato gerarchicamente, caratterizzato da una certa disomogeneità. Le parole chiavi sono correlate alla foglia terminale della descrizione (fascicolo, volume, documento)

3. Luoghi

L’indice dei luoghi organizzati per nazione, consente di mettere a fuoco in modo immediato l’orizzonte geografico della ricerca. E’ evidente che, in questa fase del lavoro, il Mediterraneo è centrale.

4. Nomi di persone e enti (o autorità)

Si tratta della classica indicizzazione dei nomi. Il repository può rivestire un certo interesse per la numerosità dei dati, raccolti sistematicamente durante l’inventariazione. Si sono consultate le serie degli atti notarili; gli elenchi dei nazionali. Ove possibile si è data notizia della fonte. In linea generale le informazioni derivano dai fascicoli a cui la voce è correlata.

5. Le occupazioni delle autorità

Il software AtoM prevede la possibilità di costruire un vocabolario controllato delle occupazioni (i mestieri) dei soggetti, degli attori delle pratiche. L’insieme delle voci è strutturato gerarchicamente e fornisce un quadro delle attività svolte nelle differenti sedi degli uffici.

La selezione delle tipologie di voci è guidata dal software ma la concreta modalità di scelta è stata a lungo pensata, dettata dai contenuti, dal progressivo approfondimento dei materiali e, inevitabilmente, anche dai limiti imposti da una massiccia immissione di dati.

Si tratta, come detto, di un lavoro in fieri, che vuole restare dinamico, che mi auguro non si esaurisca nella inventariazione di archivi o nella ricostruzione della storia dei consolati. Conto, ad esempio, di proporre presto focus o interventi descrittivi di dettaglio su gruppi di carte o singoli documenti.

Sul lungo periodo spero che la ricerca diventi partecipativa, che, visualizzati i risultati e le prospettive, sia possibile costruire una collaborazione con uno o più enti o istituti di ricerca, italiani od internazionali. Ringrazio Fabrice Jesné e ‘La fabrique consulaire’ per l’opportunità di condividere il progetto. Sin da adesso sono aperta a proposte e suggerimenti da studiosi delle discipline umanistiche, giuridiche e delle scienze sociali che possano migliorare il lavoro.

****

Italian archival conservation institutions preserve an important corpus of consular archives produced in the 19th century by the ancient states that governed Italy. In order to identify the location of these archives it is necessary, in addition to historical knowledge of the events, to have some notion of the Italian archival organisational structure, which combines a centralised management of ministerial documentation with a peripheral network of the State Archives to which the custody of locally produced papers is entrusted. The Ministry of Foreign Affairs therefore keeps in its archives the historical and diplomatic documentation produced by its central offices and by the Italian diplomatic and consular representations abroad, including the ancient ones, which historically came into its possession. The State Archives, located in the capitals of the pre-unitary States, which are entrusted with the preservation of the records of the ancient Italian states, hold both the papers produced by the 19th-century Secretariats of State and the offices dependent on them, based in Italy (i.e. the papers of the consular representations in Italy). The division, however, is not so clear-cut. The events that led to the transfer to one archive rather than another are different, and not always readily apparent.

The archiviconsolari.it website is an idea, a long-term ‘plan’ aimed, through the census and/or online publication of the inventories of consular archives, to give virtual unity to the consultation of papers and to their study, to reconstruct the ancient consular networks of Italian states.

The research, which began many years ago with the inventory of the archive of the Consulate of the Grand Duchy of Tuscany in Rome, has gradually been extended, first to the Egyptian fonds, then, more recently, to the papers produced by the consulates in the Ottoman Levant and in North Africa and, more generally, to those located on the Mediterranean coasts. All the archives under study are not inventoried; some of them are summarily indexed. The search tools, though simple, where they exist, fulfil the function of allowing the documentation to be consulted.

What is evident, as the inventorying of the fonds goes on, is the interest of the corpus, as a whole and in the correlations between several archives produced in different areas, in the similarities and dissonances. The elements of appeal are numerous and touch on a variety of disciplines. Institutional history and the history of international relations – foreign policy, no doubt, was also handled by consular officials -, as well as economic and commercial history, can be explored through the analysis of correspondence with the main interlocutors of consular officials (the Central Secretariats, the viceconsular and/or proconsular offices of the districts, local authorities, and other consulates). Of special relevance is the support and protection of nationals. Elements of interest emerge for the study of national communities through the identification of the subjects that interact with those offices, their activities, and trades; for the exploration of themes such as the ties with the motherland; for the study of law through the observation of the concrete ways in which the regulations are applied in the system of capitulations. Other topics may also be relevant: social history has a broad field of investigation; health and the spread of epidemics are a constant subject of the correspondence; the history of shipping is delineated by following the routes, trajectories of ships, cargoes and charters, casualties and failures, or by noting marginal aspects such as the names given to vessels. The list could be long.

To date, research has focused on inventories and the massive reordering and filing of documents. The interventions, aimed at reconstructing the original structure of the archives3, mainly through virtual rearrangements, allow a better understanding of the activities carried out by the consular offices, to grasp the richness of those sources and the inevitable gaps, to consult the papers with some margin of certainty.

At present, a first part of the information has been uploaded and made available through the open-source Atom Access to Memory system. The software is used by many research and conservation institutions. It has some critical issues, but also great potential. Inventory data, collected since 1997 in tables correlated with each other, were easily inherited by the system, and are now constantly updated in both formats. The application, on the cloud, allows fast consultation and multiple simultaneous accesses.

The analytical inventorying aims, through the transversal, interweaving keys, to enhance a multiplicity of scientific research.


1. Functions

Consular functions are identified and accompanied by a corresponding brief explanation. Legal references to normative texts, naval edicts, regulations and even circulars will gradually be given. Functions are related to the series.

2. Keywords or index of remarkable things

Keywords identify the main proceedings, recurring objects, sometimes documentary types. It is a set of entries, hierarchically structured, characterised by a certain inhomogeneity. Keywords are related to the terminal entry (file, volume, document)

3. Places

The index of places, organised by country, enables the geographical horizon of the research to be brought into immediate focus. It is evident that, at this stage of the work, the Mediterranean is central.

4. Names of persons and entities (or authorities)

This is the classic indexing of names. The repository may be of interest due to the large amount of data, collected systematically during the inventorying process. Notarial deed series were consulted as well as national lists. Wherever possible, the source was given. In general, the information is derived from the files to which the entry is related.

5. The occupations

The AtoM software provides the possibility of constructing a controlled vocabulary of the occupations (the trades) of the “actors” of the dossiers. The set of entries is structured hierarchically and provides a picture of the activities carried out in the different consular office locations.

The selection of the types of entries is software-driven, but the concrete way in which they are chosen has been thought out over a long period of time, dictated by the content, the progressive deepening of the material and, inevitably, also by the limits imposed by massive data entry.
This is, as I said, a work in progress, which wants to remain dynamic, and which I hope will not end with the inventorying of archives or the reconstruction of the history of consulates. I count, for instance, on soon proposing focuses or detailed descriptive interventions on groups of papers or individual documents.

In the long run, I hope that the research will become participative, that, once the results and perspectives are visualised, it will be possible to build a collaboration with one or more research organisations or institutes, whether Italian or international. I would like to thank Fabrice Jesné and ‘La fabrique consulaire’ for the opportunity to share the project. As of now, I am open to proposals and suggestions from scholars in the humanities, law and social sciences that could improve the work.

1Il Ministero degli affari esteri conserva nel suo Archivio storico diplomatico gli archivi dei consolati del Granducato di Toscana e del Regno di Sardegna di Alessandria d’Egitto e Il Cairo (1825-1860).

2Ovvero dell’ultima organizzazione delle carte prima del loro versamento in archivio di deposito.

3The Ministry of Foreign Affairs preserves the papers of the consulates of the Grand Duchy of Tuscany and the Kingdom of Sardinia in Alexandria and Cairo

 


OpenEdition vous propose de citer ce billet de la manière suivante :
costanzalisi (5 avril 2024). Un progetto archivistico a supporto dello studio dei consolati degli antichi Stati italiani (1815-1860). Il sito web archiviconsolari.it/An archival project to support the study of the consulates of the ancient Italian States (1815-1860). The website archiviconsolari.it. Consoli. Consulté le 19 juillet 2024 à l’adresse https://doi.org/10.58079/w63i


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search