[Costanza Lisi] L’inventario dell’archivio del Consolato di Toscana ad Alessandria d’Egitto: metodologia, criticità, suggestioni

L’inventario dell’archivio del Consolato di Toscana ad Alessandria d’Egitto : metodologia, criticità, suggestioni[1]

 

L’archivio del Consolato

Conservato presso l’Archivio storico diplomatico del Ministero degli Affari esteri, il fondo ha una consistenza di 61 buste e 3 registri per un totale di circa 3.600 unità archivistiche. La documentazione copre il periodo 1827 – 1860, durante il quale la carica di console venne ricoperta prima da Carlo de Rossetti (1826 dicembre – 1830 gennaio), poi da suo fratello Annibale (1830 aprile – 1860)[2].

La documentazione è copiosa. L’archivio era piuttosto ordinato. I fascicoli, individuati dall’anno e da un numero d’ordine progressivo, risultano aperti e numerati in linea generale al momento dell’arrivo della prima carta della pratica ; all’interno i documenti sono in ordine cronologico. L’archivio non è completo e conserva prevalentemente, fatta eccezione per gli anni 1828-1830, le cause sottoposte alla giurisdizione civile e penale, esercitata ad Alessandria d’Egitto in quel periodo dal console generale, quale rappresentante dello stato ospitato, secondo il sistema delle capitolazioni. Altre tipologie ricorrenti sono le successioni, i fallimenti, gli atti notarili.

Manca quasi totalmente il carteggio istituzionale con il Ministero degli Affari esteri, con il Governo di Livorno dal quale dipendeva, con gli organi di Sanità, con le autorità locali e la Porta, con i viceconsolati dipendenti, e gli altri consolati fatta eccezione per la corrispondenza afferente alle singole pratiche, confluita correttamente nei fascicoli corrispondenti.

Risultano mancanti la registrazione dei protesti, parte degli atti privati notarili[3], i ruoli d’equipaggio, i registri degli arrivi e delle partenze dei bastimenti toscani, i « manifesti di sortita », vale a dire la registrazione del carico della nave[4], i prospetti trimestrali dei movimenti commerciali[5] che venivano trasmessi a Livorno, le note annuali relative alle spese rimborsabili di servizio[6], i registri dei passaporti o visti (vidimazione dei passaporti dei passeggeri) rilasciati[7], i repertori delle registrazioni.

L’archivio conserva tuttavia un registro dei nazionali e protetti[8] toscani, prezioso per la ricostruzione della comunità toscana di Alessandria, relativo al periodo 1828 – 1859 ; due volumi di atti notarili (1840-1959) ; due fascicoli di minute della corrispondenza istituzionale relativi al periodo 1859-1860 ; tre fascicoli di atti originali relativi al periodo 1829-1831.

L’archivio con il suo inventario, sono innanzitutto strumento di conoscenza della « nazione » toscana in Alessandria d’Egitto, una delle più numerose e prospere fra quelle presenti nella città durante il regno di Muhammad Ali (1805 – 1849) e nel periodo che precede l’Unità d’Italia. Dal punto di vista strettamente istituzionale emerge il tema della gestione concreta dell’istituto consolare nella specificità di Alessandria d’Egitto e dei rapporti fra i consolati delle diverse nazioni stabilite nella città ; degne di studio sono le figure dei consoli, i fratelli Carlo e Annibale de Rossetti, esempio di quei commercianti-diplomatici che caratterizzarono anche il XIX secolo, e dei notabili chiamati a rivestire le cariche e gli incarichi del consolato (il cancelliere, i viceconsoli, i dragomanni ma anche gli assessori) ; da analizzare anche il contrastato uso di concedere ad alcuni sudditi ottomani la protezione straniera, utilizzata per sfuggire alle imposte locali, e i rapporti con il viceconsolato dipendente di Cairo ; di estremo interesse è l’uso della lingua italiana per comunicare con gli altri consolati.

La rilevazione sistematica dei nomi consente oggi di approfondire lo studio biografico di personalità più o meno note ; di facilitare le ricerche genealogiche e sulle famiglie ; di indagare le attività di commercio – negozi, ditte, attività di intermediazione e assicurative – tenute nel periodo ad Alessandria.

 

Il console toscano

Il console « assisterà con tutto lo zelo, e la più esatta attenzione il commercio dei toscani, procurando, che godano di tutti quei vantaggi, e libertà nel traffico, che godono i sudditi delle altre potenze secondo le leggi, e consuetudini del Paese »[9]. Nei primi articoli delle istruzioni consolari toscane del 1820, è la sintesi della principale funzione del console in terra straniera : la protezione dei sudditi e dei loro interessi commerciali all’estero. A tale scopo – stabiliscono le istruzioni – il console, « prenderà » tutte le informazioni possibili relativamente alle « arti e manifatture », con attenzione a quelle « più particolari e utili », « comunicando tutto ciò, che possa giovare a rendere migliori quelle di Toscana, e introdurne delle nuove […] ». Le notizie apprese all’estero, o raccolte presso naviganti, viaggiatori e capitani di bastimento, dovevano infatti essere trasmesse in patria al pari delle nuove relative alla « pubblica salute ». Come « difensore dei sudditi », il console era invece tenuto alla conoscenza dei dazi a cui i naviganti erano soggetti, alla tutela dei diritti di capitani, marinai e commercianti ma anche alla vigilanza sulla loro condotta, al rispetto delle leggi locali e al controllo di ottemperanza alle leggi di navigazione. In caso di naufragio assisteva i bastimenti e i naviganti e, qualora ve ne fosse la necessità, quanti si trovassero in povertà o in malattia. Il console toscano teneva registro « degli affari », della « comparsa di bastimenti » e « di ogni altra cosa relativa alla Marina », trasmettendo al segretario di Stato ministro degli Affari esteri ed al governatore di Livorno « tutte le nuove » relative alla salute e ogni notizia che potesse « interessare il buon servizio di sua altezza imperiale e reale ».

 

Giurisdizione consolare e definizione di procedure

Il console di Alessandria d’Egitto in aggiunta alle ordinarie competenze, esercitava le funzioni giudiziarie in materia civile e penale sui propri nazionali, in deroga al principio generale che la giurisdizione è conseguenza della sovranità territoriale. I privilegi, le franchigie, le esenzioni, le distinzioni concesse nel corso dei secoli, note come le capitolazioni[10], costituiscono pertanto la cornice entro la quale la missione operava.

Concretamente, mancando una legge o, comunque, un regolamento toscano relativo all’esercizio della giurisdizione consolare, tanto in materia penale quanto in materia civile, le modalità nell’amministrare la giustizia venivano governate dalla consuetudine ovvero dagli usi invalsi sulla piazza tra i vari consolati. è indubbio inoltre che, da questo punto di vista, finirono per prevalere le norme di quegli stati che avevano formalmente steso regole precise[11].

Generalmente l’azione del console seguiva l’iniziativa del suddito. Il console, su richiesta scritta della parte istruiva la contestazione e, quando non si fosse raggiunta una conciliazione fra le parti, convocava il tribunale consolare, incaricato di pronunciarsi sul merito della questione. Tale commissione era composta dai negozianti più facoltosi e prestigiosi ; in genere gli assessori, vale a dire i componenti del tribunale toscano di Alessandria erano due o quattro ; di esso faceva inoltre parte il console in qualità di presidente. La commissione si riuniva una o più volte, secondo necessità, ascoltava le parti o convocava i testimoni, cercando la conciliazione, fino alla sentenza.

Nel caso in cui le parti litiganti dipendessero da due missioni diverse, le richieste scritte, avanzate dalle parti, come le altre scritture, dovevano essere presentate al consolato da cui dipendeva il richiedente, anche quando la controparte dipendeva da un altro consolato. Ed è per questa ragione, naturalmente, che il dato relativo alla nazione di appartenenza delle parti[12], è sempre deducibile dalle carte. La cancelleria consolare trasmetteva la copia alla parte avversa mentre in cancelleria restavano i documenti originali[13]. Il consolato competente era sempre quello del convenuto, della cui nazione era applicata la legge[14]. Il consolato dell’attore istruiva il contenzioso ma non aveva altro compito che trasmettere le copie dei documenti al consolato del convenuto, competente per la gestione della procedura e per la nomina della commissione giudiziaria.

Fra le istanze ricorrenti presentate al console toscano ad Alessandria d’Egitto che costituiscono il contenzioso civile vi sono dunque :

  • le istanze di pagamento, i protesti di cambiali, le richieste di sequestro conservativo e gli atti che ne conseguono[15];
  • le istanze mirate alla risoluzione di questioni in materia di locazione[16];
  • le istanze finalizzate alla risoluzione di vertenze relative a noli, ritardato carico e scarico merci o – più in generale – a consegne di beni[17].

Anche riguardo ai fallimenti il console si adoperava come un giudice[18]. Questo piccolo nucleo di pratiche ci consegna un quadro economico molto preciso dei commerci di Alessandria[19] e dei rapporti fra i vari negozianti della piazza.

Il console esercitava poi la giurisdizione in materia penale[20]. Il giannizzero operava come guardia, alla necessità procedendo con l’arresto del colpevole, che poteva essere rinchiuso nella prigione consolare o condannato ai domiciliari per qualche giorno. In caso di crimini gravi i colpevoli venivano rimpatriati per scontare la pena.

Si distingue infine la giurisdizione volontaria da quella contenziosa, intendendo per essa l’assistenza e l’intervento notarile, gli atti autorizzativi. Nella cancelleria consolare venivano infatti rogati atti come contratti, donazioni, procure, transazioni, testamenti ; legalizzate le firme apposte alle scritture private ; iscritti gli atti nel registro delle scritture. Il cancelliere nell’ambito di tutte queste funzioni doveva conservare le minute degli atti rogati e un registro degli atti dei quali veniva richiesta l’iscrizione. Il cancelliere riceveva inoltre i depositi e prendeva possesso delle eredità vacanti o appartenenti ad eredi assenti[21].

 

L’organizzazione del consolato : viceconsoli, cancellieri, dragomanni e giannizzeri

Il personale consolare, necessario per disbrigare le numerose funzioni del Consolato generale, era dunque strutturato. Vi era un viceconsole, necessario in caso di assenza o impossibilità ad agire, un cancelliere, che su delega del console svolgeva le funzioni di notaio e archivista conservatore, i dragomanni, vale a dire gli interpreti, che si occupavano di tradurre la documentazione e di assistere i nazionali nei loro rapporti con le autorità locali, il giannizzero, che fungeva da guardia e da messo notificatore, talvolta un magazziniere. Le piazze commerciali più importanti vicine al consolato generale di Alessandria avevano un viceconsole che doveva rispondere personalmente della sua azione amministrativa al console generale ; questi provvedeva alla loro scelta e a fornire le istruzioni. Il console otteneva i firmani dall’autorità locale ; corrispondeva con i viceconsoli che a lui si rivolgevano per ogni questione trasmettendo periodicamente – con una modalità che ricalca il rapporto gerarchico del console con la Segreteria degli Esteri – le memorie, gli elenchi di sudditi, gli sbarchi e gli arrivi dei bastimenti nazionali ma anche esteri e i fatti salienti avvenuti. Le notizie servivano infatti a compilare i resoconti che dovevano essere spediti in patria.

 

Alcune statistiche

 Nel corso dell’inventariazione si è proceduto a rilevare i dati archivistici (oggetto del fascicolo, estremi cronologici, il numero delle carte, le segnature originali) e contemporaneamente ad indicizzare i nomi (costituiti prevalentemente dalle parti nel contenzioso) oltre a registrarne la nazionalità e qualche notizia biografica. I grafici statistici che seguono sono dunque il risultato dell’analisi dei dati raccolti in corso di inventariazione, incrociati a loro volta con le notizie ricavate dal registro dei nazionali toscani.

1- Numero delle pratiche espletate (1830-1859)

2- Numero delle pratiche espletate (1830 – 1859) – Dettaglio del periodo 1850-1859

3- Tipologia delle pratiche (1827-1859)

4- Istanze di pagamento / Istanze di sequestro a garanzia di pagamento (1669 pratiche) – Durata delle pratiche

5- Cause penali – Tipologia reati

6- Gli altri reati

7- I toscani e gli altri – Rapporti con le altre nazioni – Periodo 1827 – 1859 – Numero dei protetti delle altre nazioni ospitate ricorrenti nell’archivio

8- Numero dei protetti toscani in Alessandria d’Egitto – Archivio /Registro dei sudditi

9- Distribuzione della religione nel campione di toscani presente negli elenchi e in archivio (187)

10- Provenienza campione di toscani presenti in archivio e negli elenchi (187)

11- Campione di toscani – Religione ebraica (88) – Luoghi di nascita

12- Campione di toscani – Religione cattolica (81) – Luoghi di nascita

13- Campione di toscani – I mestieri

14- Altri mestieri

Il numero delle pratiche espletate è rilevante. La comunità toscana era numerosa e ben inserita, ricorreva al console per dirimere soprattutto le controversie commerciali. Si evidenzia un picco nelle attività del consolato nel decennio antecedente l’Unità d’Italia che testimonia il tumultuoso sviluppo della città.

Il numero maggiore delle pratiche è costituito da istanze di pagamento. Insieme alle “istanze di sequestro a garanzia del pagamento” costituiscono di fatto più del 50% dell’intero archivio. Le pratiche tendono ad esaurirsi abbastanza rapidamente (nel giro di pochi giorni) o a trascinarsi per un lungo periodo. È interessante notare che una parte cospicua degli affari si risolva il giorno stesso o nei tre giorni successivi alla presentazione dell’istanza (il 40%), o almeno, non risulti in archivio una prosecuzione dell’affare.

Per quanto riguarda il contenzioso “penale” esso è costituito principalmente da denunce per ingiurie, offese o aggressioni (63% ca). Un 20% è costituito dai furti. Si rilevano nel lungo periodo alcune denunce per crimini a sfondo sessuale e per ferimento da armi da fuoco.

L’archivio testimonia, quantificandone la dimensione e l’importanza economica, la presenza delle altre comunità nazionali in Alessandria d’Egitto attraverso i rapporti con i sudditi toscani.

Un registro elenca i nazionali toscani di Alessandria nel lungo periodo 1828-1859. Sono 661 toscani dei quali vengono riportate molte notizie: la religione, il luogo e l’anno di nascita, il mestiere; talvolta viene indicato anche il quartiere di residenza e lo stato civile. Solo una parte dei nazionali iscritti nel registro ricorre nelle carte dell’archivio. Si tratta di 187 individui che costituiscono il “campione” analizzato nei grafici che seguono.

La componente ebraico-livornese nella comunità toscana di Alessandria d’Egitto è molto forte. Commercianti, sensali, mercanti, bottegai, venditori di chincaglierie. È un gruppo coeso, intraprendente, radicato nella città e nel suo quartiere ebraico. Si nota la presenza della seconda generazione, nata nella città. Anche la componente cattolica è spesso originaria di Livorno. La provenienza, intesa come luogo di nascita,  dei toscani appartenenti a questo gruppo tuttavia è differenziata: ricorrono le città di Pisa, Pistoia, Firenze. I toscani provenienti da Pistoia e Pisa esercitano spesso le professioni liberali e alcuni lavorano al servizio del vice-re Muhammad Ali.

Per tutti, l’elenco delle professioni ci narra di un mondo variato e intraprendente. L’elenco delle professioni non è stato normalizzato. Si ritiene infatti che esso sia, nella originale diversità linguistica, importante. E’ difficile stabilire se e in che misura le differenze terminologiche siano indicative. Si lascia pertanto al lettore la suggestione trasmessa dalla difformità.

 

 

[1] Il presente lavoro è il risultato dell’attività, ancora in corso, di ordinamento e inventariazione di alcuni cospicui fondi consolari preunitari conservati presso l’Archivio storico diplomatico del Ministero degli affari esteri a Roma : l’archivio del consolato di Toscana ad Alessandria d’Egitto ; del consolato sardo ad Alessandria d’Egitto ; del viceconsolato di Toscana al Cairo. L’Inventario dell’Archivio del Consolato del Granducato di Toscana in Roma (1817-1853), a cura di C. Lisi, Roma, 1996, è invece pubblicato nella collana del Ministero degli affari esteri Indici dell’Archivio storico, X.

[2] Su Carlo ed Annibale de Rossetti, titolari in successione del Consolato generale di Toscana in Alessandria d’Egitto tra il 1826 e il 1860, si vedano : L. A. Balboni, Gli Italiani nella civiltà egiziana del sec. XIX. Storie-biografie-monografie, Alessandria d’Egitto, 1906 ; A. Sammarco, Gli italiani in Egitto. Il contributo italiano nella formazione dell’Egitto moderno, Alessandria d’Egitto, 1937, p. 63-68 ; E. Michel, Esuli italiani in Egitto, 1815-1861, Torino, 1958, passim, e il recentissimo E. H. Shlala, The Rossetti affair, in « British Journal of Middle Eastern Studies », 2016, vol. 43, n. 1, p. 40-55, pubblicato anche in E. H. Shlala, The Late Ottoman Empire and Egypt : Hybridity, Law and Gender, Abingdon – New York, 2018.

[3] La serie degli atti notarili conservata in archivio è incompleta.

[4] Si veda in Archivio storico diplomatico del Ministero degli affari esteri (d’ora in poi ASDMAE), Serie D – Archivio storico, b. 65, fasc. 1132, « Consolato in Alessandria ». Nel fascicolo sono conservati gli elenchi degli inventari della documentazione toscana conservata nella sede di Alessandria d’Egitto e redatti dal Consolato d’Italia nel 1879 e nel 1888 : all’epoca risultavamo esistere ancora nella cancelleria consolare, oltre ai registri e alle buste ritrovate e inventariate, anche un repertorio degli atti, le registrazione dei protesti, i registri degli arrivi e delle partenze dei bastimenti toscani, i « manifesti di sortita ».

[5] Si tratta del movimento dei bastimenti. La circolare del regio Governo di Livorno del 28 settembre 1844, conservata in ASDMAE, Archivio del Consolato di Toscana in Roma, fasc. 688 « 44. 1844. Governo di Livorno. Circolare e modula di un prospetto riguardante la Marina toscana da spedirsi ogni trimestre » imponeva un sistema uniforme di rilevazione dei dati.

[6] Frammisto alla corrispondenza del 1859 – 1860 troviamo un registro delle spese rimborsabili del Consolato di Toscana per l’anno 1859 redatto nelle forme stabilite dalla circolare dell’i e r. Governo civile di Livorno del 30 ottobre 1850, n. 1511. Si può immaginare che ve ne fossero altri.

[7] Nelle carte troviamo infine il riferimento a documentazione comprovante il diritto alla protezione o l’appartenenza dei toscani alla nazione.

[8] Fra i nazionali troviamo i nati in Toscana o discendenti da toscani, gli « oriundi naturalizzati », i « domiciliati » nelle città toscane e infine i « protetti » (tutte le diciture compaiono negli elenchi dei toscani). I protetti erano costituiti prevalentemente dai dipendenti delle agenzie consolari e dalle loro famiglie (viceconsoli, interpreti e giannizzeri, compresa la servitù); come stabilito dal Trattato di pace d’amicizia e di commercio tra sua altezza imperiale e reale il granduca di Toscana e sua maestà l’imperatore degli ottomani, concluso a Costantinopoli il 12 febbraio 1833 pubblicato nella Gazzetta di Firenze il 14 giugno 1834, essi erano, al pari degli altri toscani, assistiti dal console nei loro rapporti con le autorità locali.  Sottoposti alla giurisdizione consolare erano esenti dalla tassa personale (capitatiu) e da ogni altra imposizione o tributo. La protezione dunque veniva esercitata su tutti: nati in Toscana e discendenti, oriundi naturalizzati, domiciliati e protetti (per esteso erano tutti protetti). Poteva essere accordata, talvolta, anche a sudditi di altri stati europei. Sul complesso tema della protezione si veda anche : M. H. van den Boogert, The Capitulations and the Ottoman Legal System : Qadis, Consuls, and Beraths in the 18th Century, Leiden – Boston, 2005, p. 63 – 115.

[9] Articolo II delle Istruzioni per i consoli di sua altezza imp. e reale il granduca di Toscana residenti nei porti esteri, approvate dalla imperiale e reale altezza sovrana con dispacci del 4 gennaio 1820 e 24 aprile 1826, Livorno, Presso Giulio Sardi – Stampatore del Governo, 1826. Si veda anche M. Aglietti, L’istituto consolare tra Sette e Ottocento. Funzioni istituzionali, profilo giuridico e percorsi professionali nella Toscana granducale, Pisa, 2012 (Storia e politica 10), p. 138 et sqq. Nel volume sono edite le istruzioni del 1820, alle p. 372-375.

[10] Si veda M. H. van den Boogert, cit.

[11] Da questo punto di vista per esempio le norme di procedura civile stabilite in Francia con l’Editto del giugno 1778, che regola le funzioni giudiziarie esercitate dai consoli all’estero, finiscono per costituire la cornice all’interno della quale agiscono la gran parte dei consolati. Sull’applicazione concreta e la giurisprudenza del periodo si veda : Nuovo dizionario di diritto commerciale ossia riassunto di legislazione, di dottrina e di giurisprudenza di Devilleneuve e Massé avvocati presso la corte di Parigi, opera utilissima ai forensi, ai commercianti ed altre persone di affari. versione italiana a cura di F. Foramiti, Venezia, Antonelli, 1845, alla voce Console ed in particolare p. 464 et sqq. In relazione all’applicazione dell’editto vedi anche A. Mézin, Les consuls de France au siècle des lumières (1715-1792), Paris, 1998, p. 37 – 38. E’ da tenere conto che gran parte del contenzioso riguardava materie commerciali in merito alle quali il Granducato toscano applicava il codice di commercio francese, come molte altre nazioni. Ciò naturalmente facilitava i rapporti fra i consolati e la condivisione delle decisioni.

[12] La nazione che esercitava la « protezione ».

[13] Nei fascicoli del consolato toscano troviamo l’originale delle richieste presentate dai toscani, con una nota relativa alla trasmissione del documento in calce allo stesso, e le copie delle istanze trasmesse tramite i consoli delle altre nazioni.

[14] Veniva applicata la massima generale actor sequitur forum rei.

[15] Più del 50% dell’intero archivio è costituito da istanze di questo tipo. Il 40% circa di queste pratiche viene evaso in cinque giorni ; un 25% nel giro di un mese ; un 10 % fra i 30 e i 50 giorni ; il restante 25% in un tempo superiore ai 50 giorni. La maggioranza di queste pratiche è smilza ed è costituita da pochissime carte.

[16] I fascicoli che hanno ad oggetto questioni relative alla locazione di immobili sono circa 360.

[17] Circa 250 fascicoli.

[18] Sul fallimento nel Levante ottomano si veda M. H. van den Boogert, cit, p. 207-213.

[19] I fascicoli contengono prospetti economici, inventari di beni, insinuazioni di titoli di credito, elenchi di creditori, bilanci e prospetti dei conti attivi e passivi, resoconti dei sindaci, avvisi a mezzo stampa.

[20] Le cause penali del lungo periodo sono 147. La maggioranza dei ricorsi – più del 60% – riguardano casi di offese fisiche e verbali ; un certo numero di fascicoli, quasi il 20%, riguarda casi di furto, contrabbando e ricettazione.

[21] In caso di morte di un suddito del granduca, il fisco ottomano non poteva in alcun caso, intervenire sulla successione, che veniva messa a disposizione delle autorità consolari. In questi casi il cancelliere apponeva i sigilli, redigeva l’inventario dei beni e provvedeva a tutti gli altri adempimenti necessari. Le pratiche che ruotano intorno alle successioni testamentarie e agli adempimenti connessi sono 228. I fascicoli possono contenere testamenti, inventari dei beni, verbali di vendite all’incanto, insinuazioni di crediti (fatture o altri titoli di credito), materiali a stampa (avvisi pubblici e giornali) e tutti gli altri documenti attestanti la liquidazione del patrimonio.


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search